Raytracing su Playstation 5 Cos’è e come funziona

Ray tracing: come riportare l'illuminazione ambientale in modo più realistico sulla PlayStation 5, aggiungendo ottimizzazioni audio basate sulla tecnologia.

Cos’è il Ray Tracing?

PlayStation 5 vs PC

Raytracing è una tecnologia per il rendering che migliora la fedeltà visuale attraverso la modellazione delle interazioni tra i raggi di luce e gli oggetti virtuali. Viene eseguito un calcolo su ciascun pixel della scena 3D, corrispondente ad un raggio di luce. L’angolo di incidenza nel momento in cui il raggio di luce raggiunge un oggetto, il colore e la capacità riflettente dell’oggetto stesso vengono calcolati attraverso funzioni matematiche particolari. Quando si desidera un ambiente virtuale che appaia il più fotorealistico possibile, il ray tracing è ciò che occorre. Sino ad oggi è stata una tecnologia piuttosto costosa, riservata ad aziende nel mondo del cinema o della simulazione. Anche Nvidia ha iniziato ad applicarla sui computer, come spiegato in questo articolo di Gamesource, ma sinora non è mai apparsa su console.  Tutto ciò cambierà con il lancio della PlayStation 5.

In che modo ne beneficeranno i giochi della PS5?

Il Raytracing consentirà la produzione di giochi migliori per la Playstation 5. Vedremo titoli con una grafica estesa, specialmente a livello di illuminazione e calcolo delle ombre. E secondo Mark Cerny, responsabile per l’architettura della console Playstation 5, la nuova tecnologia dovrebbe avvantaggiare persino l’utilizzo ed il posizionamento di sorgenti audio.

Si può usare il Ray tracing, ad esempio, per controllare se e quando il giocatore riesce a sentire le sorgenti audio. Se ti trovi dietro a un angolo, ad esempio, il suono giunge attutito perché viaggia in linea retta. Allo stesso modo è possibile definire da dove arriva il riumore dei passi. Si tratta comunque di valutare la trasmissione di onde nello spazio.

Ovviamente siamo ancora nell’ambito delle supposizioni, e resta ancorra da vedere in che modo moltissimi dettagli legati alla tecnica e all’implementazione verranno poi applicati sulla PS5. In particolare, vedremo se la Playstation 5 implementerà il  vero Ray tracing in tempo reale che com’è noto richiede un elevatissimo livello di potenza.

Quali tecniche usano normalmente i videogames per l’illuminazione?

I videogames utilizzano in genere una tecnica chiamata rasterizzazione. Con la rasterizzazione, ogni oggetto presente sullo schermo viene scomposto in migliaia di minuscoli triangoli per creare un’immagine tridimensionale. Il punto di intersezione dei triangoli viene detto vertice. Ciascun vertice mantiene le informazioni su come rappresentare visivamente il pixel: come è orientato, il proprio colore, il tipo di superficie che rappresenta. In questo modo, è relativamente facile creare un processo di ombreggiatura che definisca in che modo ciascun colore cambi in base all’illuminazione ambiente.

PS5 raytracing

Perché è meglio il Ray tracing?

Il Raytracing è in grado di offrire una migliore descrizione del modo in cui la luce interagisce con gli oggetti 3D, dove, come e quando si rifrange, tra quali superfici rimbalza e in che modo si riflette su altre superfici. Proprio per questa ragione, l’insieme dei particolari nell’immagine di riferimento appare più delineato e realistico di quanto possa risultare su di un’immagine rasterizzata.

Caricamento in corso...