Super Mario Maker 2 – Recensione

Recensito su Nintendo Switch

Quello che Super Mario Maker 2 rappresenta, per i giocatori di lunga data Nintendo, è il connubio di ciò che è stato, di ciò che è e di ciò che sarà la serie con protagonista l’idraulico italiano più famoso al mondo. Giocare per credere, credere per giocare. D’altronde il dogma, quando si impugna la console e c’è un paffuto idraulico con un paio di baffi su schermo, è uno solo: farsi catturare da un game design senza pari, ispirato e in grado di ispirare, in cui le emozioni sono trasmesse dalla forsennata pressione dei tasti sui controller che ci accompagnano dai tempi del primo Super Mario Bros. su NES. Stavolta, però, l’opportunità fornita è incredibile e le carte in tavola vengono ribaltate: siamo noi giocatori a gestire e creare il design di ogni livello, producendo in maniera incessante nuovi livelli targati Super Mario.

Super Mario Maker 2 non rivoluziona nulla: la formula del precedente capitolo è ampliata, rivista parzialmente, e resa nettamente più varia. Le novità non cambiano lo spirito di fondo del titolo, saldamente ancorato a quello che è stato il primo Super Mario Maker. Si sa che quando si parla di Mario, però, ci si sente sempre a casa, e anche le nuove composizioni musicali per alcuni livelli firmate dal celebre Koji Kondo contribuiscono a creare quel clima di familiarità che solo produzioni di questa tipologia sanno trasmettere, con un titolo in cui il videogiocatore è padrone e creatore libero da vincoli di ogni genere.

Sul seguito sbarcato su Nintendo Switch gli sviluppatori consegnano fin da subito le chiavi in mano al giocatore: la possibilità di creare ciò che si vuole e le numerose aggiunte alla fase di editor contribuiranno a fornire quel tocco di brio che, tra qualche settimana, si tradurrà nelle prime creazioni eccezionali (con qualcosa di particolarmente brillante che si intravede già adesso). Proprio per questo è possibile fin da subito districarsi nella modalità creazione, da soli o in compagnia di un amico sfruttando la coppia di Joy-Con della console. In questo caso abbiamo trovato la modalità creazione perfettamente adatta per un giocatore singolo e la possibilità di lavorare in contemporanea allo stesso livello ci è sembrata una feature non particolarmente riuscita o comodissima. Le aggiunte sono tante e si può operare nella creazione del proprio livello personalizzato come più si preferisce, sia con la console in docked che in handled mode.

Al solito le possibilità sono svariate e, oltre ai classici quattro stili del primo Super Mario Maker, si aggiunge anche la bellissima innovazione del 3D World: questa tipologia di scenari si discosta un po’ dai precedenti, soprattutto perché dotata di elementi unici nel suo genere tratti direttamente dall’opera per Wii U quali i blocchi intermittenti, le Auto Koopa (automobili da guidare lungo lo scenario), piattaforme fluttuanti, senza dimenticare l’iconica super campanella del titolo, che va a trasformare il nostro personaggio in un gatto in grado di arrampicarsi senza timore su altissimi alberi e ripidissime pareti. Sarà oltretutto possibile giocare ogni livello nei panni di Mario, Luigi, Toad e Toadette.

Super Mario Maker 2

Proprio per questo la libertà, dal lato creativo, diventa immensa: gli scenari prendono vita con facilità, divertimento e rapidità; la scelta è ampia come non mai ed è possibile saggiare fin da subito le creazioni degli altri giocatori: livelli sott’acqua, in cielo, nel deserto e sulla neve,… sono tante le novità proposte da questa iterazione del buon Mario. Come se non bastasse, in ogni scenario sarà possibile scegliere anche un’alternativa modalità “notturna” selezionando la luna tra gli oggetti di scena: la notte porterà – oltre al cambio di atmosfera – anche differenziazioni sul gameplay basate sullo scenario scelto. Non manca nessuna opportunità e, in linea di massima, il giocatore ha in mano tutto l’occorrente per costruire quello che desidera.

Come già ribadito, però, le possibilità fornite da Super Mario Maker 2 non si limitano soltanto alla creazione di livelli personalizzati, ma anche alla fruizione delle creazioni degli altri utenti: nel gioco, gli appassionati dei titoli di Super Mario avranno a disposizione un continuo erogatore di livelli capace di stupire, impegnare, innalzare in maniera molto elevata il livello di sfida e, in qualche caso, anche incuriosire per le brillanti trovate. Nota importante è la necessità, ovviamente, di possedere un abbonamento online di Nintendo Switch, per poter usufruire di tutte le funzionalità di gioco in maniera completa. Oltretutto, Super Mario Maker 2 permette ai giocatori di scaricare i loro livelli preferiti, in maniera tale da poterci giocare anche offline quando non si ha una connessione di rete disponibile.

Super Mario Maker 2

Dal menù di gioco sarà possibile, oltre alla classica opzione di ricerca per i vari livelli – ordinabili secondo un numero davvero vasto di criteri – consultare tre diverse classifiche che andranno a posizionare i giocatori secondo i punti ottenuti come autori di livelli, come giocatori e come avversari. E Proprio nella sfida con altri avversari risiede una delle novità di Super Mario Maker 2: attraverso le modalità di gioco multigiocatore sarà possibile sfidare altre persone nella modalità competizione, in cui ci si darà battaglia per completare per primi il livello, oppure si potrà andare a collaborare nella modalità cooperazione, in cui si dovranno mettere insieme le proprie forze per superare livelli alquanto ostici e pensati per essere affrontati in gruppo.

Interessante la possibilità, presente in questo capitolo, di dare delle etichette che aiutino a capire in anticipo la tipologia del livello a chi ci giocherà. Volendo, inoltre, è anche possibile allegare al proprio livello una breve descrizione che introduca la creazione agli utenti che andranno a provarla.

Tra le altre modalità con cui spendere il proprio tempo in compagnia del gioco, sono da annotare la “sfida infinita”, che ci vedrà affrontare livelli creati dagli altri utenti uno dopo l’altro cercando di arrivare il più lontano possibile prima di perdere tutte le vite a nostra disposizione. Proprio questa modalità è quella più interessante per fruire in maniera automatica di nuovi livelli e va ad adattarsi, come faceva la sfida dei 100 Mario, anche alle esigenze di coloro che cercano una sfida più elevata dal titolo Nintendo.

Super Mario Maker 2

Chiudiamo con la modalità storia, che vedrà Mario impegnato nell’arduo compito di ricostruire il celebre castello di Peach: per aiutare i Toad a rimettere in piedi la fortezza della principessa, Mario dovrà guadagnare dei gettoni superando gli incarichi che gli forniranno i vari personaggi in scena. Questi incarichi altro non sono che livelli pensati dal team di sviluppo, volti a far prendere confidenza al giocatore con alcuni dei nuovi oggetti disponibili, dando anche qualche interessante idea e spunto di riflessione da poter poi riproporre nelle creazioni personali con successo. Sapientemente viene mostrata anche una delle novità del gioco, ovvero la possibilità di imporre al giocatore determinate condizioni per finire il livello: grazie a questa, che potrebbe sembrare una banale diversificazione della formula già assodata, ci si potrà sbizzarrire nelle maniere più incredibili, costringendo magari Mario ad arrivare al traguardo finale trasportando un pesantissimo blocco di pietra che ne limiterà i salti, oppure senza subire danni o, per i più cattivi, senza effettuare nemmeno un salto. I livelli alle volte non saranno così semplici e metteranno alla prova anche i giocatori più esperti: proprio in quel caso si potrà sfruttare l’aiuto di Luigi, che ci permetterà di modificare il livello nella modalità editor rendendoci liberi di attuare facilitazioni di ogni genere.

Dal punto di vista tecnico, Super Mario Maker 2 non tradisce le aspettative e si lascia godere in maniera ottima in entrambe le due modalità: lo schermo touch della console, nella modalità portatile, risulta molto comodo – nonostante le dimensioni – e immediato, lasciando un feedback estremamente positivo, che immaginiamo possa essere ancora maggiore sfruttando l’apposito pennino brandizzato Mario Maker presente nella limited edition del titolo.

Super Mario Maker 2

Sbarcato su Nintendo Switch, Super Mario Maker 2 è il sequel che tutti ci aspettavamo: non stravolge la formula vincente del suo predecessore e aggiunge delle piacevoli novità che contribuiscono ad affinare gli strumenti di tutti gli aspiranti artigiani di livelli di Super Mario, fornendo possibilità infinite per chi avesse voglia di osare o, semplicemente, saggiare le creazioni altrui. Nonostante la formula riproposta sia sempre la stessa, le introduzioni dal punto di vista di oggetti, temi, modalità, vanno scoperte a poco a poco e apprezzate in quello che diventa a pieno merito un editor interattivo in cui creazione e gioco si uniscono in un solo paradigma, in grado di partorire un risultato finale che saprà soddisfare chi già a suo tempo aveva amato il primo Super Mario Maker.

8.8

Pro

  • Potenzialmente infinito
  • Possibilità di sfogare in maniera incredibile la propria creatività
  • Il multiplayer è una gradita aggiunta

Contro

  • Costruire livelli in co-op non è comodissimo
Vai alla scheda di Super Mario Maker 2
Ti è piaciuto quello che hai letto? Vuoi mettere le mani su giochi in anteprima, partecipare a eventi esclusivi e scrivere su quello che ti appassiona? Unisciti al nostro staff! Clicca qui per venire a far parte della nostra squadra!

Potrebbe interessarti anche

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments