Exoprimal – Anteprima

Anthem contro Overwatch nella Valle dei Dinosauri?

Lo scorso weekend, mentre molti di voi erano già in assetto vacanziero sotto l’ombrellone o in alta montagna, il sottoscritto era impegnato a blastare orde interminabili di dinosauri mutanti dall’inferno sulla beta tecnica di Exoprimal, il nuovo shooter cooperativo di Capcom a base di belve preistoriche.

Exoprimal

La storia di Exoprimal non brilla certamente di originalità, proponendoci l’ennesimo futuro relativamente prossimo, dove la nostra civiltà è minacciata da una improvvisa e non voluta invasione di dinosauri (che in questo specifico caso spuntano attraverso varchi dimensionali di dubbia origine), con conseguente panico nelle strade, nessuno che esce di casa o cerca guai e i soliti appelli alla calma in TV che non vengono presi seriamente da nessuno.

Bisogna mettere assolutamente un freno a tutta questa dino distruzione e, ovviamente, la patata bollente tocca a noi e ai nostri compagni di squadra. Allo scopo di ridurre al minimo le possibilità di crepare malissimo durante l’impresa, ci sono gentilmente fornite delle tute potenziate, le Exosuite, che ricordano neanche troppo alla lontana gli Strali di quel “capolavoro” acclamato da critica e pubblico di Anthem. Oppure i Power Rangers, che forse è anche meglio.

Exoprimal

Ogni Exosuite ha i suoi pregi e difetti in termine di statistiche, oltre a delle peculiari abilità che, di fatto, identificano la classe di appartenenza. Le classi disponibili sono le solite: tank, supporto, cecchino ecc… Anche qui, nulla di nuovo dunque, specialmente nell’universo degli shooter a squadre. Così, di primo acchito, sembra praticamente di giocare una sorta di Overwatch meccanizzato, con un robusto innesto di “Inserisci il tuo shooter PvE a orde preferito”.

L’unica modalità presente in questa anteprima era infatti un bizzarro incrocio tra una partita PvE e PvP. In pratica, noi e la nostra squadra, saremo gettati sul campo di battaglia con il compito di portare a termine una serie di incarichi più o meno brevi, cercando di sbrigare la faccenda prima che lo facciano quelli della squadra avversaria. Tra formazioni rivali ci si potrà blandamente ostacolare, ma niente scontro diretto tra i componenti, almeno non in questa modalità.

Exoprimal

Le task che dovremo portare a compimento sono le solite, viste e riviste, in ogni titolo anche vagamente inerente al genere: sterminio di orde in rapida successione, difesa di un determinato obbiettivo, scorta di un altro obbiettivo e alla via così. Onestamente, un pochino troppo banali per i miei gusti, ma non dimentichiamoci che si sta parlando di una sola delle modalità di gioco che Exoprimal ci proporrà alla sua uscita definitiva, su PC, PlayStation 5, PlayStation 4, Xbox Series X/S e Xbox One nel corso del prossimo anno.

Pur non brillando di originalità in quanto a poteri conferiti, le Exosuite disponibili in questa prova hanno un design davvero accattivante, come di sicuro quelle che potremo sbloccare in seguito. Un momento però… Non proprio tutte le abilità sono così banali! Un determinato tipo di Exosuite di supporto, previo il recupero di un certo oggetto, può infatti “evocare” un Tyrannosaurus Rex (con tanto di collare!) e scatenarlo contro le orde nemiche! Ok, non che il potere di evocazione sia propriamente originale ma andiamo! Dove lo trovi un T-Rex con il collare!?!

Exoprimal

Sul fronte avversari, come già avrete abbondantemente realizzato, saremo di fronte a schiere di dinosauri e bestie preistoriche assortite. Nella prova, Exoprimal ci proponeva gli immancabili velociraptor, un gigantesco e incazzatissimo triceratopo e interi stormi di fastidiosissimi pteranodonti svolazzanti, oltre al già citato Rex, che però al momento parteggia, anche se involontariamente, per noi. E, ci tengo tanto a dirlo, TUTTI QUANTI ASSOLUTAMENTE NON REALISTICI DA UN PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO. Ma tanto, il piccolo paleontologo che alberga in tutti noi, si sarà suicidato già dalla prima apparizione dei Novosaurus mutanti, con tanto di sacche colorate piene di schifezze. Roba da far sembrare un Monster Hunter qualsiasi come un documentario del National Geographic. Seriamente Capcom, tu hai dei problemi seri con i rettili mostruosi! E noi ti vogliamo bene proprio per questo!

Exoprimal, tecnicamente parlando, fa il suo dovere anche se, va detto, la grafica in game è ben lungi da poter essere pienamente considerata Next Gen, sicuramente perché il titolo uscirà anche per le vecchie console, che tutto fanno tranne che decidersi a esalare l’ultimo respiro.

Concludendo, questa prova di Exoprimal mi ha lasciato un po’ freddino. L’idea di fondo, anche se non originale, non è malaccio per niente (e vorrei vedere… Ci sono i dinosauri!) però, almeno al momento, è presentata in una maniera davvero poco “impressionante”.

Comunque, nulla è ancora detto in via definitiva, ma ci si dovrà lavorare ancora un bel po’ su questo Exoprimal, per fare in modo che le somiglianze con Anthem si fermino soltanto alle tute potenziate Power Rangers style!

Vai alla scheda di Exoprimal
Ti è piaciuto quello che hai letto? Vuoi mettere le mani su giochi in anteprima, partecipare a eventi esclusivi e scrivere su quello che ti appassiona? Unisciti al nostro staff! Clicca qui per venire a far parte della nostra squadra!

Potrebbe interessarti anche

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments