Horizon Zero Dawn – Come abbattere uno Stormbird

Vai alla scheda di Horizon Zero Dawn

Tutti i trucchi per uccidere lo Stormbird o Avistempesta in Horizon Zero Dawn.

Recentemente messo a disposizione gratis da Sony tramite l’iniziativa Play at Home, siamo tornati nelle Terre Sacre e oltre per un approfondimento sulla guida alle macchine pubblicata al debutto di Horizon Zero Dawn. La guida è dedicata allo Stormbird, o Avistempesta in italiano.

Ancora oggi, lo Stormbird è il monarca dei cieli, una delle creature più imponenti che popola il mondo post apocalittico del titolo Guerrilla. La sua descrizione ufficiale lo colloca nella classe Combattimento, e recita:

Macchina volante incredibilmente agile, con un’ampia gamma di attacchi aria-terra con fulmine.

In questa guida vedremo come uccidere uno Stormbird con Aloy.

Lo Stormbird è pericoloso tanto a terra quanto in aria, ma essendo un uccello meccanico gigante predilige bombardare le prede dal cielo. I suoi attacchi di gran lunga più spaventosi consistono in una caduta in picchiata da molto in alto, in cui si ammanta di elettricità, e un’avanzata a terra avvolto in una bolla elettrica. Per questo, ma anche per fare i conti con il suo Folgoratore, è consigliato avere qualche pozione per resistere all’elettricità. Dal canto suo, lo Stormbird resiste a quest’elemento, per cui le frecce elettriche saranno pressoché inutili.

horizon zero dawn

Pertanto, la prima cosa da fare è liberarsi del Folgoratore (nelle immagini), un’arma che spara elettricità che è posizionata al centro della creatura, come se fosse il suo cuore azzurro. Una volta fatto ciò, lo Stormbird non potrà più contare su attacchi a distanza, e dovrà per forza di cose scendere ripetutamente a terra. Per colpire il Folgoratore con le frecce l’abilità Concentrazione è tra le più utili in quanto rallentando il tempo avrete la possibilità di mirare più efficacemente utilizzando le Frecce Dirompenti (Tearblast Arrows).

Il Lancia-corde (Ropecaster) è uno strumento indispensabile, in quanto vi permetterà di bloccare a terra lo Stormbird  per diverso tempo. Una volta che lo Stormbird atterrerà, basterà utilizzare l’arma qualche volta per immobilizzare la macchina volante.

horizon zero dawn

Quando la macchina è immobilizzata, è il momento di utilizzare l’effetto più devastante: il Ghiaccio. Questo raddoppia i danni e rallenta le creature. Per fare il più velocemente possibile è consigliabile utilizzare una Fionda con bombe congelanti. Lo Stormbird verrà congelato quando la barra sferica del congelamento sarà riempita e la creatura visibilmente bianca. La macchina ha anche a disposizione un serbatoio di gelo che può essere colpito, ma troviamo il metodo con il Lancia-corde decisamente più facile.

A questo punto, i colpi di grazia: Fionda Esplosiva Carja o delle Ombre, tramite cui lanciare bombe adesive, oppure più frecce contemporaneamente con l’abilità Doppio Colpo o, ancora meglio, Triplo Colpo.

Lo Stormbird è una delle creature più remunerative di Horizon Zero Dawn, e rilascerà componenti viola (molto rari).

horizon zero dawn

In conclusione, spendiamo qualche parola per la sua genesi (spoiler). Le macchine da Combattimento come lo Stormbird vennero create in un secondo momento e non erano nei piani della dottoressa Elisabet Sobeck e della sua creatura, GAIA, che aveva il compito di riformare la terra e la vita dopo il progetto Horizon Zero Dawn. Senza GAIA a guidarlo, EFESTO, una delle funzioni subordinate, iniziò a percepire erroneamente gli umani come una minaccia per la terraformazione – lo scopo originale delle macchine – e a crearne di ostili. Questo processo verrà poi riconosciuto dalle tribù come lo “Squilibrio”.

Speriamo che questi consigli vi siano serviti per affrontare i vari Stormbird presenti in Horizon Zero Dawn e quello obbligatorio della missione GAIA Prime. Chissà se questo nemico iconico ritornerà nel sequel, Horizon Forbidden West, o se i tempi saranno maturi per cavalcare finalmente macchine con le ali e volare insieme ad Aloy.


Altri trucchi Horizon Zero Dawn

Horizon Zero Dawn: Guida ai Calderoni